Una petizione contro i gravi ritardi italiani





E’ stata aperta una pubblica petizione per protestare contro il grande<br /> ritardo della copertura della banda larga in Italia


E’ stata aperta
una pubblica petizione per
protestare contro il grande ritardo della copertura
della banda larga in Italia.

Quasi il 20% della
popolazione ancora oggi ha come unica scelta il satellite, il quale non
è assolutamente una soluzione accettabile, sia dal punto di vista
economico, che da quello tecnico, per quanto riguarda le prestazioni.


Il Governo Italiano dovrebbe intervenire con incentivi per quelle
società che investiranno in copertura e
dall’altro con una modifica nella legislazione riguardo alle offerte wireless, aprendo
di fatto all’ultimo miglio wireless.


Allo stato attuale non è possibile visti i rigidi vincoli previsti dalla
legge che non permetto di fornire il servizio in spazi aperti, a meno che tutti i terreni attraversati non appartengano ad
uno stesso proprietario. Questo vincolo ha di fatto bloccato l’internet wireless. La connettività
senza fili invece permetterebbe di risolvere il problema in breve tempo anche
nelle zone rurali.

Informazioni
più dettagliate all’URL

http://www.petitiononline.com/digdivit/petition.html